La legge che regolamenta i monopattini elettrici

Finalmente in Italia è in vigore una nuova norma che regolamenta la circolazione dei monopattini elettrici e li equiparandoli quasi in tutto alle biciclette.

La legge di bilancio entrata in vigore il primo gennaio 2020 , sostituisce il precedente decreto Toninelli che lasciava ai comuni autonomia nella modalità di applicazione delle norme e che aveva portato alla rimozione e poi a una forte limitazione dei monopattini elettrici a noleggio a Milano, nonchè a diverse multe anche molto alte in alcune città e in generale aveva aperto un dibattito politico sulla mobilità sostenibile e sicurezza stradale.

La nuova norma è anzi piuttosto sintetica e in sostanza, dice che per i monopattini elettrici restano invariati i limiti di potenza (che non deve essere superiore ai 500 watt nominali) e velocità (che non deve superare i 20 chilometri all’ora, o deve poter essere limitata) già indicati nel decreto Toninelli, e che per tutto il resto valgono le regole che valgono per i ciclisti.

Le biciclette possono circolare su piste ciclabili, strade comunali, provinciali e statali ma non su autostrade, strade a scorrimento veloce e superstrade, ed è vietato usarle sui marciapiedi.

Nella nuova norma per fortuna non si parla di assicurazione, targa, patentino o casco, né di zone vietate ai monopattini che non siano quelle già vietate alle biciclette.

Le norme che regolano la circolazione di nuovi mezzi elettrici si sono rese necessarie negli ultimi mesi sia per l’improvvisa recente diffusione tra privati, sia per via del crescente numero di servizi che permettono di noleggiarli per un breve periodo e che sono già presenti in città come Milano, Roma, Torino e Rimini. Fuori dall’Italia, in moltissime grandi città, da Parigi a Los Angeles, questi mezzi  sono già parte integrante del paesaggio.

Nella norma non ci fa accenno alla certificazione CE, essa infatti non è richiesta ne necessaria per poter circolare liberamente.

Ecco alcuni modelli perfettamente in linea con la nuove regolamentazione.

LGD Informatica
We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

LGD Informatica
Logo